LPG ENDERMOLOGIE

In fase di consulenza sarebbe ottimale fare una panoramica 360 gradi di quello che è il prodotto/servizio LPD ENDERMOLOGY al fine di farne apprezzare non solo l’efficacia che riscontra ma anche la sua storia.

LPG è l’acronimo del nome Louis Paul Guitay l’inventore della tecnologia che fu obbligato a sottoporsi a lunghi e faticosi cicli di fisioterapia per una rieducazione cervicale a seguito di un incidente. Studiò un metodo per emulare il gesto manuale del fisioterapista e iniziò a progettare il primo prototipo di tecnologia che era in grado di realizzare un massaggio meccanico capace di indurre, in maniera naturale, una vera e propria rigenerazione del tessuto connettivo. Il primo prototipo nacque, per poi esser brevettato, in Francia nel 1986 e si chiamava Cellu M6 e con stupore di operatori, pazienti e ricercatori venne utilizzato a scopo riabilitativo e terapeutico per i trattamenti di fisioterapia cutanea (ustioni, cicatrici ecc.). Nel corso del tempo ci furono altri studi per poter scoprire l’efficacia della tecnologia su più fronti di utilizzo e tra gl’anni 1998 e 1999 presso il servizio ambulatoriale di Medicina Estetica dell’Ospedale Fatebenefratelli di Roma, con la collaborazione dello staff medico e fisioterapico, si eseguirono delle sperimentazioni con l’Endermologie (tecniche di massaggio) su dei soggetti che presentavano problematiche di cellulite. A tutti venne fatto un check-up medico estetico e soprattutto ecografico per valutare i risultati di un ciclo di trattamenti che comprendeva 14 sedute in 7 settimane. I risultati variarono da soggetto a soggetto ma complessivamente molto buoni.                                           Oggi è utilizzato anche in ambito estetico ed è riconosciuto come uno dei migliori trattamenti, apporta benefici contrastando inestetismi sia sul corpo che sul viso.

Trattamento corpo

Si tratta di un particolare massaggio connettivale Endodermico attraverso un manipolo che permette un aspirazione vacum modulata. Il manipolo è dotato di un rullo e un’aletta che, in concomitanza al vacum, levigano la plica aspirata, la tonificano migliorando la circolazione della zona trattata.

Il manipolo permette un massaggio che agisce:
• sulle cellule adipose ipertrofiche cellulitiche apportando mobilità interstiziale e un miglioramento all’attività cellulare .
• sul tessuto connettivo e fibre intradermiche che circoscrivono cellule adipose ed edema.
• sulla riattivazione del microcircolo ossigenando tessuti ipertrofici periferici
• sul rassodamento
• permette una mobilizzazione dei liquidi e un drenaggio delle tossine verso i punti di scarico grazie anche alle manualità dell’operatore.

Il trattamento viene eseguito su una tutina in lycra che permette una buona dinamicità del manipolo

 

Trattamento viso

Vi è la possibilità di esporsi anche a dei trattamenti viso con un manipolo più piccolo con diversi “beccucci” ergonomici e che si adattano alle zone da trattare.

Gli effetti sono:
• stimolazione tessuto connettivo e delle cellule fibroblasti a produrre più collagene ed elastina
• miglioramento della matrice cutanea
• ri-ossigenazione e luminosità dell’incarnato
• rughe meno visibili e rimpolpate.

Non sempre è possibile operare con macchinari di ultima generazione, ma per gli operatori del benessere è fondamentale conoscerli tutti per essere preparati su tutte le strumentazione che esistono sul mercato, a fine di essere competitivi e trasmettere fiducia al proprio cliente.