Estetica avanzata, una coccola Hi-Tech

Estetica avanzata e laser a diodo, amico dell’epilazione intelligente

L’estetica avanzata è una disciplina all’avanguardia, amica dei più moderni sistemi tecnologici. Questa nuova frontiera dei trattamenti beauty e wellness e si prepara a diventare il must dei migliori centri estetici: permette infatti di raggiungere risultati altamente performanti sugli inestetismi, mixando l’innovazione dei suoi strumenti con la tradizionale cura della persona, che solo un’esperta estetista sa dare. Insomma, una vera e propria coccola Hi-Tech richiedente una formazione sia tecnica che teorica molto approfondita. A questo, solitamente, pensa l’azienda che fornisce il macchinario stesso, ma non sempre è sufficiente. E’ prima di tutto fondamentale avere un’appassionata curiosità per il proprio lavoro: a beneficiarne sarà la vostra selezionata clientela e il ROI dell’attività stessa.

Radiofrequenza per i trattamenti anti-age, laser ad azione snellente ma non solo. Uno dei trattamenti di estetica avanzata più richiesti è certamente quello dell’epilazione permanente, che si effettua mediante l’uso dei laser a diodo.

Capirne il funzionamento permetterà di offrire un servizio migliore alle vostre affezionate, senza incorrere a spiacevoli incidenti di percorso. Il diodo segue un principio di foto termolisi selettiva, emette cioè energia luminosa – pacchetti di fotoni riorganizzati in mondo da creare un fascio di luce della lunghezza d’onda di 808 nanometri – che la melanina della pelle trasforma in calore. Tale melanina, chiamata altresì “tessuto target” o cromoforo, crea nella papilla dermica una sorta di shock termico. Più precisamente, tale shock avviene nel bulbo pilifero (in fase anagen) che è ricco della sostanza abbronzante: ne consegue un’inibizione della crescita del pelo, senza che vengano apportati ulteriori danni alla cute. Ecco spiegato il significato dell’aggettivo “selettivo”, il quale rimanda alla capacità della luce laser di essere assorbita unicamente dalla melanina, senza modificare altri tessuti dermici.

La luce laser del diodo viene tecnicamente definita collimata, coerente e monocromatica.

In più, influisce secondo un principio detto di foto termolisi selettiva cumulativa: necessita di un’erogazione multipla – al massimo 5 volte – per conferire al trattamento di epilazione la massima efficacia. L’80% del patrimonio pilifero viene così eliminato.

Ricordo quanto sia fondamentale detergere e pulire le zone di intervento, coprendo eventuali efelidi, macchie della pelle e tatuaggi con prodotti specifici. Preferite prodotti lenitivi a base di estratti naturali, senza l’azione aggressiva di agenti che modifichino il PH della pelle.